A un gol dal doppio salto (1ª parte)

2002-03: dal ripescaggio in D al sogno C2
Fabrizio Syd Santuccio

La notizia del ripescaggio in serie D era stata accolta con grandissima gioia dal pubblico siracusano, forse troppa, ma più che giustificabile dopo aver visto sfumare 3 tentativi promozione diretta e 2 dopo i play off.

Ai nastri di partenza le principali indiziate per la lotta al vertice erano Cavese, Vigor Lamezia e Vittoria, il Siracusa era visto come outsider insieme a Milazzo, Savoia e Trapani, perché era pur sempre una “debuttante” anche se vantava alcuni elementi di grande spessore tecnico.


Nella rosa a disposizione di mister Lorenzo Alacqua c’erano infatti calciatori del calibro di Giuseppe Del Giudice, Vincenzo Del Vecchio, Pasquale Lo Garzo, Salvatore Cangiano, Franco Pannitteri e tanti validi giovani.

Il girone d’andata iniziò molto bene, con una media punti che sarebbe stata da lotta al vertice, se Cavese e Vigor Lamezia non avessero viaggiato a medie addirittura superiori. Il Leone aveva conquistato la bellezza di 34 punti in 16 partite, esprimendo un buon gioco, con Pannitteri finalizzatore infallibile e una buona difesa.


La partita che chiuse il girone d’andata a Torre Annunziata segnò la prima sconfitta degli azzurri e nell’ottica di un obiettivo stagionale cambiato per ottenere la promozione, il direttore sportivo Nicola Pannone esonerò il mister, sostituendolo con Angelo Busetta.

Con Busetta in panchina il Siracusa regolò il modesto Pro Favara e in seguito perse giocando veramente male per la prima volta in stagione, a Trapani. La tensione che si era avvertita tra il pubblico all’esonero di Alacqua caricò l’ambiente di pressione e nella sfida interna contro la Cavese successe ciò che alcuni temevano.

I metelliani passarono in vantaggio e raddoppiarono, il Siracusa sembrava un lontano parente di quello visto con Alacqua e la tensione accumulata sfociò in una contestazione con lancio di oggetti in campo e l’intervento delle forze dell’ordine. La partita fu prima interrotta, poi sospesa e persa a tavolino per 3-0, con l’ulteriore squalifica del De Simone per tre giornate.

Le probabilità di vincere il campionato, già basse con Alacqua, erano definitivamente sfumate con Busetta, il cui esonero fu invocato e ottenuto da una tifoseria amareggiata per la stagione buttata inutilmente al vento.


Parte successiva =>

Fabrizio Syd Santuccio

Vedi anche
Stagioni: 2002-03 ~ Calciatori: Marco Scifo ~ Salvatore Cangiano ~ Antonio Franco Pannitteri ~ Gianluca Filicetti ~ Luigi Calabrese ~ Vincenzo Del Vecchio ~ Pasquale Lo Garzo ~ Giuseppe Del Giudice ~ Giovanni Baratto ~ Allenatori: Lorenzo Alacqua ~ Antonino Franco Pannitteri ~ Corrado Modicano ~ Presidenti: Gabriele Lanza